agenzia gestione affitti brevi roma

Affitti Brevi: Fattura, Locazione ad Aziende e Cedolare Secca

Affitti brevi: fattura, locazione ad aziende e cedolare secca.

SOMMARIO

Affitti Brevi: Un Panorama Normativo Complesso

Gli affitti brevi rappresentano una modalità di locazione abitativa che si è notevolmente sviluppata negli ultimi anni, spesso per finalità turistiche. Queste locazioni sono regolate da un complesso insieme normativo che comprende la legge 431/1998, il codice civile e il DL 50/2017. L’incremento di piattaforme come Airbnb ha ampliato ulteriormente le opportunità e le sfide per i locatori, spesso definiti “host”.

Affitti Brevi a Aziende e Professionisti: Un Trend in Crescita

Sulle piattaforme di locazione come Airbnb, si osserva un crescente interesse da parte delle aziende nell’affittare immobili per ospitare i propri dipendenti, o dei professionisti in viaggio di lavoro. Questo trend apre nuove prospettive per gli host, ma introduce anche specifiche complessità.

La Fatturazione e le Sue Sfide

Uno dei principali ostacoli per gli host privati emerge quando un ospite in viaggio d’affari richiede una fattura per dedurre il costo dell’affitto dalle tasse aziendali. In Italia, solo chi possiede una partita IVA può emettere fatture. In assenza di questa, il proprietario può solamente rilasciare una ricevuta per l’affitto, che deve includere una marca da bollo per importi superiori a €77,47.

Intestare la Ricevuta: Una Scelta Cruciale

Una domanda frequente tra gli host è: “a chi intestare la ricevuta per affitti brevi in caso di azienda o professionista?” La ricevuta può essere intestata liberamente. Tuttavia, se viene intestata ad una azienda o a un soggetto che opera nell’esercizio di impresa, l’host non potrà optare per la cedolare secca al momento della dichiarazione fiscale. Sebbene l’interpretazione fornita dall’Agenzia delle Entrate sia stata oggetto di smentite giurisprudenziali, resta il consiglio di non contrapporsi fino a un chiarimento definitivo.

La Scelta dell’Host: Cedolare Secca o Clientela Business?

Gli host si trovano dunque di fronte a un bivio: optare per la cedolare secca, rinunciando ai viaggiatori d’affari, o attirare quest’ultima clientela, accettando di non poter utilizzare la cedolare secca per quei contratti. Un’alternativa è specificare nelle regole della casa la stipula di contratti di locazione esclusivamente per finalità turistiche. In questo caso, si può emettere una ricevuta per locazione abitativa con finalità turistica, che potrebbe non essere idonea ai fini fiscali per l’ospite in viaggio d’affari.

Conclusione: Una Scelta Strategica per gli Host

In conclusione, gli host possono ospitare sia viaggi di lavoro che di turismo. Operando come privati, non possono emettere fatture, ma solo ricevute. Inoltre, l’intestazione della ricevuta ad aziende o professionisti implica la rinuncia alla cedolare secca per quel contratto. Questa realtà richiede agli host una decisione strategica basata sui propri obiettivi e sulla clientela che desiderano attrarre.

Vademecum 1 - Affitti Brevi o Affitti tradizionali?
Vademecum 2 - Burocrazia: Faccio Casa Vacanze o Affitti Brevi?
Vademecum 3 - Quale Agenzia di Gestione Affitti Brevi Scegliere?
La Manutenzione negli Affitti Brevi e Case Vacanze
Revisione Generale dell'Imposta di Soggiorno: Audizioni in Senato
Subaffitto Airbnb: la Formula Rent to Rent
Split Fee Airbnb: La Commissione Airbnb per Host
Commissioni Airbnb e Booking: che Differenza c'è tra i Due Siti per Affitti Brevi?
Quanto si Guadagna con l'Affitto Breve?
Come Fare il Self-Checkin
× Chatta con Noi