Come Aprire una Casa Vacanze

Come Aprire una Casa Vacanze

Se hai cercato “Come aprire una casa vacanze“, vuol dire che stai pensando di diventare un “Host“. Io sono un Host da oltre 10 anni. Ho aperto oltre 70 case vacanze nel corso della mia carriera nel campo dell’ospitalità e mi sono già trovato nei tuoi panni molte volte.

La prima cosa su cui ti informi se vuoi aprire una casa vacanze di solito sono le procedure burocratiche. Si tratta senz’altro di un passaggio fondamentale. Cercare in generale “come aprire una casa vacanze” però non è la strada giusta!

Come Aprire una Casa Vacanze
Illustration of Mediterranean city building exterior water color style

La prima dritta che voglio darti è che l’espressione “casa vacanze” indica almeno due diversi tipi di attività, ognuno con regole e iter burocratici diversi. In più le leggi che regolano queste attività non sono esclusivamente leggi nazionali, ma anche leggi regionali e persino regolamenti comunali.

Quali sono i due tipi di attività a cui di solito ci si riferisce con l’espressione “casa vacanze“?

Il primo è la casa vacanze vera e propria, regolata all’interno dei regolamenti sulle strutture ricettive extra-alberghiere delle singole regioni. Per avere le prime informazioni sull’iter burocratico da seguire quindi, dovrai trovare la legge regionale di riferimento che ti riguarda.

Il secondo tipo di attività è quello che si sta diffondendo di più negli ultimi anni: l’appartamento turistico, anche chiamato alloggio turistico, attività di locazioni brevi, attività di affitti brevi, o ancora affitto turistico.

Questo tipo di attività è regolamentato dalla legge 431/98 e dal dlgs 50 2017 per quanto riguarda le sue caratteristiche fondamentali. Per quanto riguarda l’iter autorizzativo, di solito si limita ad una comunicazione da fare al proprio comune, al quale dovrai rivolgerti per conoscere la procedura.

Non c’è solo la burocrazia: come aprire una casa vacanze DI SUCCESSO

Ora sai che esistono due tipi di attività che vengono comunemente indicati con l’espressione “casa vacanze“, la casa vacanze vera e propria e la cosiddetta attività di locazioni brevi. Ma quali sono le differenze tra le due? e qual è la più adatta a te?

E le domande a cui devi trovare una risposta prima di imbarcarti in quest’imprese sono molte di più….

  • quanto renderà la mia casa vacanze?
  • voglio offrire una casa vacanze per il business?
  • voglio rivolgermi invece a famiglie con bambini?
  • voglio offrire un alloggio per coppie?
  • voglio rivolgermi a chi sta una o due notti, o piuttosto a chi si ferma per periodi fino a un mese?
  • offro una casa di lusso o un alloggio conveniente?
  • che tipo di attrezzatura vorranno trovare i miei clienti in casa?
  • laverò le lenzuola in casa o mi affiderò ad una lavanderia?
  • gestirò le prenotazioni e la burocrazia direttamente o mi rivolgerò ad un agente immobiliare?
  • quanto costeranno le pulizie tra un cliente e l’altro?
  • chi dovrebbe pagare le spese di pulizia, io o i miei ospiti?
  • dovrei assicurarmi?
  • come proteggermi dai danni degli ospiti?
  • come funzionano i portali di prenotazione come Airbnb, Booking.com e Homeaway?
  • quali sono le commissioni di questi portali di prenotazione?
  • devo trattenere un deposito cauzionale?

Va bene, ora mi fermo, anche se potrei andare avanti a lungo 😀 dopo dieci anni da host ho avuto il tempo di approfondire ogni dettaglio relativo all’aprire una casa vacanze.

D’altro canto le risposte a tutte queste domande determineranno il successo o il fallimento della tua casa vacanze, quindi è importante che tu riesca a dar loro una risposta prima di iniziare.

Se non lo hai ancora fatto, devi leggere il mio ebook gratuito: “Diventare Homy Host, Ovvero il Perfetto Padrone di Casa“! Ti permetterà di acquisire tutta la saggezza che ho accumulato in 10 anni nel campo dell’ospitalità nel breve spazio di una lettura 🙂 clicca qui per saperne di più